Ennesimo vertice sul turismo tra l’Amministrazione comunale e gli operatori economici della città stamane a Palazzo dei Giurati. “L’obiettivo è quello di far ritornare le prenotazioni alberghiere a circa mille800 a settimana”, ha affermato l’assessore al Turismo, Italo Mennella, al termine della riunione. L’appuntamento rappresentata il risultato delle preoccupazioni che si sono registrate in questi giorni, soprattutto, da parte degli operatori del settore in seguito alle vicende internazionali come gli sbarchi a Lampedusa e la guerra in Libia che avrebbero avuto influenze negative sul comparto locale.

“Voglio precisare – ha detto Mennella –  che solo durante una settimana abbiamo avuto un calo delle prenotazioni consistente. Adesso l’obiettivo è quello adesso di ritornare agli standard che ci facevano ben sperare per le presenze turistiche. Per quanto riguarda la stagione turistica tengo a ricordare che questa si apre, tradizionalmente, ogni anno dopo la Pasqua. Quest’anno il periodo di vacanze cade, però, alto nel calendario solare. Si tratta di giornate perse dal punto di vista turistico. Ora è necessario recuperare quanto perduto con qualche iniziative, e farlo, magari per il periodo di novembre”.

“Abbiamo preso atto – ha detto il direttore dei servizi turistici, Antonio Belcuore – che l’Amministrazione ha avuto un incontro con il presidente della Regione, Raffaele Lombardo. Quest’ultimo si è mostrato favorevole ad un’azione promozionale regionale che tuteli tutta l’isola e , dunque, anche Taormina ed il suo comprensorio”.

All’incontro, svoltosi nell’aula consiliare di Palazzo dei Giurati, erano presenti numerosi rappresentanti delle forze sociali cittadine tra cui il presidente di Confindustria alberghi, Sebastiano De Luca ed il presidente di “Imprenditori per Taormina”, Franco Parisi.

Insomma si sta pensando ad iniziative per tentare di migliorare l’accoglienza dei visitatori.

Il sindaco di Taormina, Mauro Passalacqua, ha affermato che entro poche settimane saranno attivati i bagni pubblici. Una questione che è stata più volte segnalata dagli operatori, soprattutto, nei momenti di grande caos che investono il centro storico.

© Riproduzione Riservata

Commenti