Manuel Winston Reves, il domestico filippino, ha confessato l’omicidio della contessa Alberica Filo della Torre, uccisa all’Olgiata il 10 luglio 1991. Winston ha svelato lui stesso, in carcere, la verità che avevano ormai scoperto gli inquirenti. Si era dapprima avvalso della facoltà di non rispondere. Poi, dopo un colloquio coi suoi legali, ha richiamato il Maria Francesca Loy per ammettere le sue responsabilità. I difensori lasciando il carcere si sono limitati a confermare: “Ha ammesso”. Tra le lacrime è arrivata, all’improvviso, la confessione e la ricostruzione agghiacciante di quanto accaduto. “Mi volevo togliere un peso che portavo dentro di me da 20 anni: sono stato io ad uccidere la contessa Alberica”.

Questa l’ammissione di Manuel Winston Reves che piangendo ha ammesso le sue responsabilità davanti al pm e al tenente colonnello Bruno Bellini del Nucleo investigativo dei carabinieri di Roma.

“Ogni volta che sentivo parlare della vicenda mi prendeva l’angoscia – ha proseguito dopo una lunga pausa – chiedo scusa al marito, ai figli e a tutti gli italiani”.

© Riproduzione Riservata

Commenti