Antonio Conte si dichiara “pronto” ad allenare la Juventus a partire dalla prossima stagione. Aveva sempre temporeggiato, eluso tutte le domande riguardanti il suo futuro. “Juventus? Penso solo al Siena”, era la sua risposta standard. E d’altronde, Conte alla guida del Siena sta confermando quanto di buono fatto in passato. Da Arezzo a Bari, passando per il ritorno in Toscana. Squadre in cui ha messo in mostra doti da allenatore fuori dal comune. Nell’estate 2009, dopo l’ottima stagione in Serie A alla guida dei galletti, il suo nome era in cima alla lista dei candidati per prendere alla Juventus il posto lasciato libero da Claudio Ranieri.

Poi la Juventus decise di confermare Ciro Ferrara, arrivato per traghettare la squadra nelle ultime due giornate del campionato. Decisione risultata poco felice, con Conte che nel frattempo incappò nella sua peggiore esperienza della sua giovane carriera da allenatore: quella all’Atalanta. Tredici punti in tredici partite, poco più di tre mesi prima dell’esonero arrivato dopo la sconfitta rimediata in casa contro il Napoli.

Conte in questa stagione s’è ampiamente riscattato, a differenza della Juventus che continua a navigare in cattive acque. Ecco allora tornare in auge quell’ex centrocampista da sempre nel cuore dei tifosi bianconeri.

Fino a ora Conte non aveva mai parlato di questa possibilità, ma le ultime dichiarazioni sono la dimostrazione di una brusca inversione di tendenza: “Con i tifosi della Juve ho un grandissimo rapporto – ha dichiarato Conte – mi amano ancora.

Ora Perinetti e Mezzaroma mi hanno chiesto la promozione con il Siena e vogliamo centrarla. Poi vedremo, tredici anni in bianconero non si dimenticano. E’ la mia storia e nessuno me la tocca”.

© Riproduzione Riservata

Commenti