Miracolo al “Bambin  Gesù” di Roma, dove una bambina nata cieca ora può vedere. I genitori di Irina avevano perso tutte le speranze. Si erano rassegnati, ormai, alla cecità della propria figlia. Eppure oggi la bambina vede benissimo. Tutto merito dell’associazione umanitaria “EveryOne” e della Croce Rossa Italiana. Una storia che arriva dalla Romania e che ha visto il lieto fine nel nostro Paese. “Siamo un gruppo di volontari – spiega il co-presidente di EveryOne Roberto Malini –  che segue dal 2007 la comunità rom di Pesaro, una comunità che ha subito molti sgomberi e che a causa della precarietà ed emarginazione presenta casi sanitari spesso gravissimi. Alcune famiglie le abbiamo aiutate a rientrare in Romania; altre, a curare i loro bambini affetti da gravi patologie”.

“Irina in realtà è nata a Galati. I suoi si sono subito accorti che era affetta da cecità, destinata quindi a non vedere per tutta la vita. Dopo alcuni consulti negli ospedali del posto i medici hanno detto che non c’erano le strutture adatte e che comunque senza denaro – una cifra molto consistente – non si poteva nemmeno sperare di intervenire”.
“Abbiamo saputo dalla sorella della madre e ci siamo subito attivati con la Croce Rossa Italiana. L’operazione era possibile: questa bimba nata senza cristallino poteva riacquistare la vista. Così abbiamo avviato una rete di solidarietà in modo che la bimba potesse venire in Italia e subire i due interventi necessari. Interventi, ovviamente delicatissimi che necessitavano di un chirurgo oftalmico molto particolare.  L’Ospedale Bambin Gesù di Roma ci è venuto incontro. I pezzi del mosaico si sono incastrati quasi da soli”.
“La bimba ha da poco compiuto un anno e attualmente vede perfettamente. La cosa è stata accolta  con grande gioia da parte della famiglia perché non c’era – ripeto – nessuna speranza per lei. Da qualche giorno sono rientrati a Galati. Neanche a dirlo, si sono resi subito conto che è stato un piccolo miracolo”.

© Riproduzione Riservata

Commenti