Un appello per Maurizio Russo è stato lanciato anche dall’Arciprete di Taormina, padre Salvatore Sinitò. Anche il parroco prende posizione, dunque, sul giallo dell’imprenditore del quale non si hanno più notizie da giovedì 24 marzo.  Della scomparsa di Maurizio, padre Salvatore ha parlato già domenica sera, durante la via Crucis e proprio in queste ore ha ribadito il suo messaggio alla città.

“Chiedo alla comunità locale di pregare per la sorte di Maurizio e per i suoi familiari. Dico ai miei concittadini di stare vicini alla famiglia ed aiutare, se possibile, le Forze dell’Ordine”.

“Dobbiamo rompere il muro del silenzio, e dar voce alla speranza. Dobbiamo sforzarci di essere uomini coraggiosi. Cristo ci insegna che bisogna, soprattutto, rompere le barriere dell’odio e del rancore. Vogliamo credere con tutte le nostre forze che questo ragazzo possa essere ritrovato e che stia bene. A Loredana e a tutti i familiari va la nostra solidarietà fraterna, le nostra preghiere sono rivolte a questo dramma”.

© Riproduzione Riservata

Commenti