Vasco Rossi pubblica il 29 marzo “Vivere o Niente” con 12 pezzi inediti nati tra Bologna e Los Angeles. A tre anni dall’uscita de “Il mondo che vorrei” (per oltre un anno e mezzo in classifica), ecco l’ennesimo attesissimo ritorno del “Blasco”. E i suoi fans sono già in delirio per lui. Come sempre. Nel nuovo album c’è il rock, il pop, il blues e le sonorità anni 80. Il tutto viene subito incorniciato dal Vasco Pensiero: “Ragazzi dobbiamo esser coraggiosi e pensare La vita è dura ma io sono ancora più duro!”.

“Il più grande nemico di noi stesso è quello che abbiamo dentro di noi. Ma poi si arriva sempre a un punto in cui si esclama “Vivere non è facile”! Ci vuole il rispetto di se stessi, da cui nasce tutto. E’ per questo che è importante sempre spiegare a se stessi delle cose e non aver mai paura di spiegare agli altri e imparare”.

C’è sempre quello che ti dice di fare la cosa giusta e ti dà il consiglio giusto ma la cosa importante è sempre imparare dai propri errori sbattendoci la testa”.

Mi sono reso conto scrivendo la canzone “L’Aquilone”, senza volerlo, di accorgermi di non amare molto le cose che finiscono. Ho dei grossi problemi a prende coscienza di questa cosa. Dunque ci tenevo a raccontare la sofferenza di un uomo che vorrebbe le cose non finissero mai e ovviamente si rende conto che tutto ha un termine e ci fa i conti”.

“Il mio sarà uno spettacolo tutto nuovo e ci metteremo tutto l’impegno per renderlo travolgente, straordinario coinvolgente e con tante emozioni per le persone che verranno. Ma onestamente ora non abbiamo la più pallida idea di quel che faremo ma abbiate una fiducia enorme in noi!

Molta gente nella vita sceglie il niente e perde molte occasione. Per vivere non ci vuole paura ma solo un po’ di coraggio, ma non ne vedo molto di coraggio in giro. Invece bisogna averlo ragazzi perché bisogna sempre dire a se stessi “La vita è dura ma io sono ancora più duro!””.

Vasco torna negli stadi in giugno. Parte da Venezia, Heineken Jammin Festival l’11 giugno, prosegue per un poker di 4 concerti a Milano San Siro, il 16, 17, 21 e 22 giugno, per Messina stadio S. Filippo per la terza volta in 4 anni, il 26 giugno e chiude a Roma con due serate consecutive i giorni 1 e 2 luglio all’Olimpico.

© Riproduzione Riservata

Commenti