Riparte il 22 marzo “Ris Roma – Delitti imperfetti”, serie televisiva giunta alla seconda serie. Dieci prime serate su Canale 5 per un totale di 20 episodi nei quali il gruppo del capitano Lucia Brancato (Euridice Axen) se la dovrà vedere con una banda di spietati rapinatori di ville chiama “La banda del lupo”. La regia degli episodi è di Francesco Micciché e tra i protagonisti ci saranno sempre Fabio Troiano e Primo Reggiani.

In questa serie la squadra ha ormai più di un anno di attività alle spalle. Il team si è saldato, dopo qualche incomprensione iniziale, lasciandosi alle spalle il dolore per le ferite riportate nello scontro contro la spietata Vendicatrice, alla fine assicurata alla giustizia. Giorno dopo giorno la squadra della capitana ha mostrato la sua affidabilità. Ognuno ha trovato la sua collocazione nel progetto della Brancato: amalgamare personalità diverse e a volte antitetiche per svelare i misteri nascosti in ogni gesto criminale.

Ecco quindi che l’istinto per l’improvvisazione di Ghiro (fabio Troiano) convive con il senso assoluto dell’ordine e del dovere di Bartolomeo Dossena (Marco Rossetti), l’irruenza e l’entusiasmo di Emiliano Cecchi (Primo Reggiani) ben si sposa con la sensibilità di Flavia Ayroldi (Jun Ichikawa).

E l’assenza di Costanza Moro, che ha deciso di lasciare l’Arma per accettare l’allettante offerta di un laboratorio di genetica in America, viene prontamente compensata dall’arrivo di un nuovo (e in qualche modo controverso) elemento, il tenente Orlando Serra (Simone Gandolfo).
Le differenti specificità (arricchite dall’ingresso in seconda battuta del sottotenente Bianca Proietti (Lucia Rossi)) diventano ancor più necessarie in questa nuova stagione, nella quale antagonista dei Ris è una banda di criminali: spietati rapinatori di ville e altri luoghi frequentati da benestanti, che agiscono seminando il terrore, irrompendo nelle vite delle loro vittime, devastandole e, da un certo punto in poi, uccidendo senza pietà.
Una sorta di “Arancia meccanica” adeguata ai tempi che viviamo, che subisce subito una drammatica impennata, passando dalle rapine agli omicidi, all’attacco contro le forze dell’ordine… La “Banda del Lupo” va fermata a tutti i costi. Il più rapidamente possibile.

© Riproduzione Riservata

Commenti