Chiusa al pubblico la villa comunale. Rimarrà indisponibile sino a tutta la giornata di giovedì per l’esecuzione di un piano di intervento finalizzato a neutralizzare il punteruolo rosso. La casa municipale si è visto costretta ad emanare d’urgenza un’ordinanza di chiusura temporanea del Parco “Giovanni Colonna Duca di Cesarò” per l’abbattimento e la distruzione delle palme colpite, appunto, dal terribile coleottero.

E’ in atto quindi un’azione mirata di trattamento e bonifica degli alberi e delle piante. Un sopralluogo per monitorare l’andamento degli interventi è stato fatto ieri mattina al parco dal dirigente del Servizio Ambiente, Giovanni Coco.

La villa riaprirà venerdì. Il decreto ministeriale di lotta obbligatoria del 9 novembre 2007 prevede, per le aree infestate, la misura dell’abbattimento obbligatorio per le palme colpite e individua nel titolare della palma l’unico soggetto responsabile dell’abbattimento e distruzione della stessa.

Sono numerose le palme che sono state colpite in tutto il comprensorio. Si tratta di abbattimenti che hanno già colpito diverse zone di Taormina, come Porta Messina, piazza Toselli-Porta Catania e il giardino di Palazzo Corvaja, ed anche la piscina comunale di contrada Bongiovanni.

Nel caso della villa comunale si tratta a tutti gli effetti del polmone verde di Taormina, e quindi si sta rendendo necessario un piano dedito a salvare le palme da nuovi attacchi del coleottero killer, mentre alcune sono già state pesantemente attaccate nei mesi scorsi. Anche alcune palme centenarie sono state attaccate e messe in ginocchio dal punteruolo.

Il problema non riguarda, comunque, solo Taormina, ma anche Giardini Naxos, Calatabiano e Fiumefreddo, dove insistono un totale di 173 palme della specie Phoenix canariensis e di numero 4 palme del genere Whashigtonia dove sono stati ravvisati manifesti sintomi e presenza di forme vitali di punteruolo rosso delle palme.

L’abbattimento, in molti casi inevitabile, di palme secolari, indubbiamente rischia di determinare uno stravolgimento dell’assetto ambientale e paesaggistico.

© Riproduzione Riservata

Commenti