«Amore spero comunque che riuscirò a vederti lo stesso, come prima, magari rimango a dormire da te, visto che non avrò più la casa, tra un po’, ho tantissimo bisogno di te, amore!!!». Destinatario della romantica lettera è il premier Silvio Berlusconi. A scriverla una delle ragazze ospiti alle sue feste ad Arcore, Elisa Toti. “Io mi sento morì, se viene fuori qualcosa mi trasferisco in Cina». È quanto afferma la Toti in una conversazione avvenuta mediante Skype con Adriana Verdirosi dello scorso 8 aprile. La conversazione, che si trova tra i nuovi atti depositati nell’inchiesta sul caso Ruby, quelli relativi al filone dell’indagine su Nicole Minetti, Emilio Fede e Lele Mora, «le due ragazze fanno riferimento a un uomo, presumibilmente Silvio Berlusconi (…) e alla possibilità di partecipare a cene e (…) e alla necessità di reperire denaro e a conoscenze comuni». Lo scorso 8 aprile le due ragazze commentano la notizia apparsa sui giornali toscani dell’acquisto da parte del premier di una casa in Toscana.

La Toti commenta: «io mi sento morì se viene fuori qualcosa mi trasferisco in Cina».
E Adriana: «cosa che ha preso casa».
Elisa: «no, di noi (…) bohhh qualcuno che conosco del Pdl di Siena».
Adriana «spiega un po’? di te e iddu!!!».
Elisa: «sì».
Adriana: «non succederà».
Elisa: «però lui lo sai, è matto, magari fa una cena con noi lì».

Nel pc sequestrato il 14 gennaio a Elisa Toti, ci sono, dunque, anche dei file con delle lettere prive di data, scritte a Silvio Berlusconi. In un file di Word, la giovane avreebbe scritto al premier: «ciao amore» e segue una «richiesta di aiuto per lavoro, casa e denaro».

In un’altra lettera indirizzata al presidente del Consiglio, la Toti scrive: «ciao tesoro», e poi lo ringrazia per «i bellissimi giorni passati a Milano» e fa alcuni riferimenti relativi «all’invio di un curriculum per la partecipazione a trasmissioni in programmazione sul digitale terrestre».

Sempre secondo gli atti, nell’hard disk del Pc sequestrato alla Toti, è stata rinvenuta una fotografia «che ritrae Silvio Berlusconi con la Toti all’interno di una stanza e alle spalle un albero di natale bianco».

Inoltre altre tre foto che consentono di «affermare che la Toti si trovava a Roma nelle immediate vicinanze di Palazzo Grazioli, una delle residenze di Silvio Berlusconi».

Ma chi è esattamente Elisa Toti? Nata il 12 luglio 1979 a Siena, domiciliata a Milano in via Olgettina. La starlette televisiva viene ospitata più volte nella villa di Arcore e vive in uno degli appartamenti pagati da Silvio Berlusconi attraverso il suo tesoriere Giuseppe Spinelli e il consigliere regionale della Lombardia Nicole Minetti.

Questo il materiale utile alle indagini sequestrato nella sua casa di via Olgettina:

  1. Tessera dell’azienda Mediaset con foto, dati e la scritta: collaboratore esterno;
  2. Orologio da polso con logo dell’A.C. Milan e incisa sulla cassa la frase “Al Presidente Silvio Berlusconi Campione del Mondo”.
  3. Catenina in metallo di colore oro rosso con al centro la scritta ‘ELISA’ e otto piccole pietre a forma di brillante incastonate nella lettera ‘E’., completa di scatola marca ‘Recarlo’ e certificato di garanzia datato 2/12/2010.
  4. Catenina d’argento marca “Damiani” con pendente a forma di croce al cui interno è incastonata una pietra a forma di brillante e altra piccola pietra a forma di brillante sulla chiusura.
  5. Foulard di seta con targhetta riportante la dicitura “E. Marinella per Silvio Berlusconi’, contenuto in scatola blu con la scritta ‘per Silvio Berlusconi”.
  6. Sei banconote da 500 euro.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti