Ancora una colpo di scena nell’iter per l’affidamento di Isola Bella all’ente Cutgana. In una nota congiunta, Buzzanca e Rinaldi, i deputati messinesi che il 9 marzo (in sede di Quarta Commissione all’Ars) si erano pronunciati favorevolmente alla gestione dell’oasi da parte del Cutgana, adesso hanno chiesto ufficialmente la sospensione della procedura.

«Sulla vicenda della gestione della Riserva naturale di Isola Bella e dunque sulla polemica che è seguita all’approvazione all’unanimità, da parte della Commissione Territorio ed Ambiente, dell’atto di indirizzo trasmesso dall’assessore regionale Gianmaria Sparma – affermano Giuseppe Buzzanca e Franco Rinaldi – riteniamo di dover fare delle precisazioni. Innanzitutto è opportuno chiarire che il voto favorevole da noi espresso è dipeso soprattutto dalla carenza di documentazione allegata alla “risoluzione” proposta dall’assessore Sparma. Alla Commissione, infatti, come prevede la legge regionale n. 14 del 1988, non è attribuito alcun parere circa la possibilità di affidamento a terzi della Riserva Naturale. Sulla base delle evidenti anomalie del procedimento, riscontrate successivamente al parere espresso, abbiamo già sollecitato l’assessore Sparma a sospendere qualsivoglia ulteriore attività tendente all’affidamento della Riserva naturale di Isola Bella ed abbiamo invitato il presidente della Quarta Commissione legislativa a convocare apposita riunione per meglio chiarire l’incresciosa vicenda».

Sull’argomento, il sindaco di Taormina, Mauro Passalacqua, martedì scorso, aveva dichiarato: «Nessuno ha ritenuto opportuno informare il sottoscritto dell’avvenuto affidamento al Cutgana. Mi lascia perplesso che sulla proposta di gestione al Cutgana si siano pronunciati a favore, a Palermo, il 9 marzo in IV Commissione, anche alcuni deputati messinesi, l’on. Buzzanca e l’on. Rinaldi. Noi non ci ritroviamo in questo metodo e modo di considerare Taormina».

© Riproduzione Riservata

Commenti